fbpx
Medioevo

Medioevo n. 278 – Marzo 2020

Estratto dall’articolo «Simonino e il martirio che non c’era»

Il piccolo Simonino da Trento, presunta vittima di omicidio rituale ebraico, fu venerato per secoli come «martire» innocente. Una vicenda penosa, nella quale si intrecciano, sovrapponendosi, sentimenti antiebraici, esigenze devozionali e ambizioni di politica ecclesiastica. Ora una mostra allestita presso il Museo Diocesano Tridentino ripercorre le tappe di questo emblematico episodio risalente al 1475, mettendo in evidenza i meccanismi di «costruzione del nemico» e il potere della propaganda.

23 marzo 1475, un Giovedí Santo, il piccolo Simone Lomferdorm scomparve misteriosamente tra i vicoli di Trento, città alpina di antica origine,adagiata su un’ansa del fiume Adige, che all’epoca dei fatti era parte dell’impero asburgico e da circa dieci anni era governata dal principe vescovo Johannes Hinderbach (1418-1486), autorità spirituale e temporale dell’omonimo principato vescovile.

A lui si rivolse, venerdí 24 marzo, il conciapelli Andrea, padre del bambino scomparso e, in un primo momento, dichiarò di temere che Simone – che aveva poco piú di due anni – fosse accidentalmente caduto nell’acqua del fossato che scorreva davanti alla casa di famiglia. Il vescovo affidò le ricerche al podestà di Trento, il bresciano Giovanni de Salis, il quale emanò un bando per invitare chiunque avesse notizie a presentarsi. Alla fine della giornata, tuttavia, i sospetti del padre si orientarono verso la piccola comunità ebraica locale, costituita da circa trenta persone, quasi tutte di origine ashkenazita (germanica). Nel rivolgere istanza al podestà cittadino, Andrea Lomferdorm dichiarò infatti di aver udito da molte persone che gli Ebrei, nei giorni della Settimana Santa, rapivano e uccidevano i bambini cristiani.

Una credenza terribile e assurda

La diceria riportata da Andrea era largamente diffusa nella mentalità popolare – soprattutto nei territori a nord delle Alpi – e costituiva una delle principali superstizioni cristiane nei confronti degli Ebrei. Secondo tale credenza, tanto terribile quanto assurda, gli Ebrei erano soliti compiere sacrifici rituali di fanciulli cristiani con lo scopo di reiterare la…(Continua la lettura sul numero di Medioevo o abbonati!!)

Scorri il sommario

ANTEPRIMA

MEDIOEVO INVENTORE
Le campane
Fede, allarmi e altri rintocchi

SCOPERTE
La terza vita dell’asilo

MOSTRE
Quella fragile bellezza
C’era una volta una quercia…

ITINERARI
Tesori d’una terra di frontiera

APPUNTAMENTI
La settimana delle confraternite
L’Agenda del Mese

STORIE

TRENTO
Simonino e il martirio che non c’era
di Lorenza Liandru

COSTUME E SOCIETÀ

PAESI BASSI
Miracolo ad Amsterdam
di Aart Heering

MOSTRE Perugia
La prima volta di Taddeo
di Gail E. Solberg

DOSSIER
Enrico II
Il grande Plantageneto
di Tommaso Indelli

LUOGHI

MEDIOEVO NASCOSTO
I colori della devozione
di Corrado Valente

CALEIDOSCOPIO

LIBRI
Credo, dunque creo
Lo Scaffale